All’estero: come essere educati in America

Il galateo internazionale comprende innumerevoli varianti di stile, nonché dettagli che differenziano un paese dall’altro. Negli Stati Uniti, per esempio, l’educazione impone comportamenti ed atteggiamenti che in Italia sono desueti, come quello della mancia al ristorante.

Si tratta proprio di una differenza strutturale: il servizio non è mai incluso nel prezzo e quel 10-15% che si aggiunge è un’opzione che anche pagando con bancomat o carte è assolutamente necessario attivare. Per un torinese può sembrare assurdo, essendo legato il concetto di “mancia” a casi straordinari in cui dal servizio particolarmente efficace e gradito di qualche inserviente si fa corrispondere una premialità, ma è da tenere ben presente per evitare figuracce. Così come se si va in bagno, in un posto pubblico, si deve evitare di bussare alla porta. È infatti uso americano lasciare l’ingresso alla toilette socchiuso o semi-aperto se è libero, mentre se la porta è chiusa è molto probabile che qualcuno ci sia: sarebbe quindi maleducato mettere fretta all’utilizzatore. Per il resto, rispettando la legge ed ascoltando ciò che dicono gli altri, si può facilmente fare bella figura con il proprio fascino da vecchio continente. Tenendo presente, però, che quasi ovunque la puntualità è fondamentale, anche in località balneari in cui sembrerebbe che la rilassatezza permetta maggiore flessibilità: in questo gli americani hanno molto di anglosassone e, forse per la filosofia calvinista che permea il mondo del lavoro, spaccare il minuto è segno di rispetto preteso, oltre che gradito.

Lascia un commento