Slip o Boxer? L’eleganza passa dall’intimo

Spesso, ciò che distingue chi è elegante da chi si sforza di esserlo, è il dettaglio. O meglio ancora, è ciò che non si vede. Tra tutti i capi di abbigliamento, infatti, ce n’è una specie che più di tutte le altre è riservata a pochi, se non a nessuno. Si tratta dell’intimo: quella che da piccoli i genitori chiamano “biancheria” e che, da grandi” può essere strumento di seduzione, dimostrazione di savoir faire, oppure drammatica caduta di stile.

Iniziando dai fondamentali, è ovvio che l’igiene, un frequente ricambio ed il rispetto al principio per cui la “biancheria” è – appunto – da mantenersi candida e immacolata, siano requisiti minimi. A cui va ad aggiungersi il fatto che, se una donna ha modo di sbizzarrirsi nell’esprimere la propria personalità con l’outfit che può tener nascosto se non a chi sceglie per rivelarlo, un uomo deve ridursi a pochi elementi: mutande e calzini, per lo più. Escludendo il colore bianco dai calzini, per ovvie motivazioni di stile, che siano di filo di scozia lunghi o più corti (mai cortissimi, per carità), che abbiano fantasie e che richiamino i colori della giacca o della cravatta, c’è poco da aggiungere. Di più sulle mutande: boxer, boxer aderenti, slip. Come per i costumi si apre un mondo fatto di considerazioni sulla comodità ed il comfort da un lato, e sulla consapevolezza o meno che – prima o poi, e spesso nel momento meno prevedibile – ci si potrà fare una figuraccia epocale. È una forma di pudore che nelle generazioni si è sempre più andata assottigliando, ma è bene scegliere il proprio stile di mutande consapevolmente, in base alla propria conformazione fisica ed al proprio dresscode usuale. Certo, i boxer sono i più eleganti, e tra le fantasie di tessuto e piccole finezze come la cura dei bottoni o della cucitura degli elastici, possono rivelarsi veri gioiellini di sartoria. Gli slip, se non si è particolarmente “voluminosi”, sono i più comodi per gli sportivi, perché maggiormente contenitivi: il pratico ed il teorico si avvicinano, visto che stanno bene con un bel fisico, e sono ottimi per fare attività motoria. I boxer aderenti, elasticizzati, sono il più delle volte il giusto mezzo: meglio se a tinta unita, o con fantasie smaccatamente spiritose (animalier, per esempio), meglio se evitando la volgarità, che in un contesto così riservato non può che risultare banale e superflua.

Lascia un commento